ICS Galbiate

...Scuola media

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Disegno Tecnico Le Proiezioni Assonometriche

Le Proiezioni Assonometriche

E-mail Stampa PDF

Assonometria


L'assonometria (dal greco áxon = asse e métron = misura, cioè misura in base agli assi) è un metodo di rappresentazione grafica trattato dalla geometria descrittiva. Fu introdotta dal francese Gaspard Monge alla fine del Settecento.

ICome creare le viste assonometriche
La rappresentazione assonometrica, appunto perché proiezione parallela, è un metodo di rappresentazione che conserva inalterati i rapporti angolari e dimensionali. Il termine stesso, assonometria, indica che le misure dell'oggetto sono riportate direttamente sugli assi.

L'oggetto viene rappresentato in modo facilmente comprensibile, in quanto riunisce più viste in un solo disegno, con dimensioni corrette o proporzionate.

 

Tabelle delle assonometrie

Figura 2.9 - Tipi di assonometria secondo la normativa UNI 3969 e UNI 4819

Se l'angolo che forma la direzione del centro di proiezione con il quadro è di 90 gradi l'assonometria viene detta ortogonale altrimenti l'assonometria viene chiamata obliqua.

Assonometria ortogonale isometrica

Nell'assonometria isometrica il piano di proiezione forma con i tre assi angoli uguali e pertanto mantiene la stessa unità di misura lungo i tre assi x, y e z.

 

Assonometria isometrica

Figura 2.10 - Nell'assonometria isometrica gli angoli sono uguali e cosi pure l'unità di misura lungo i tre assi. Il fattore di riduzione è di 0.816 corrispondente alla vista di un lato lungo la diagonale del cubo. Il cubo infatti viene rappresentato come un esagono dove tutti gli angoli e lati sono uguali.


Il fattore di riduzione di 0.816 corrisponde al coseno dell'angolo formato dalla diagonale di un cubo che è di 35 ° 26. Infatti il punto di vista è esattamente lungo la diagonale e il cubo viene rappresentato come un esagono.

Gli assi proiettati presentano un fattore di riduzione dovuto al fatto che non sono paralleli al piano di proiezione. Il fattore di riduzione (detto scorciamento) è di 0.816 rispetto alla grandezza reale. L'angolo tra gli assi è di 120 gradi.

 

In genere è buona norma specificare la scala di rappresentazione riportando la lunghezza reale rispetto alla lunghezza di proiezione come in Figura 2.13.

 

Assonometria ortogonale cavaliera

L'assonometria cavaliera è una proiezione dimetrica dove gli assi x e y si proiettano in vera forma sul piano di proiezione e quindi sono entrambi uguali alla vera unità di misura. Secondo la norma UNI 4819 l'assonometria cavaliera può avere tre forme diverse:

1 - Assonometria cavaliera (dimetrica)

Definita anche rapida perché presenta il piano verticale in scala reale e un asse inclinato di 135 °. E' molto usata nel disegno meccanico mentre meno usata nell'edilizia, perché la pianta è variata.
L'unità lungo l'asse di 135 ° è dimezzata rispetto alle ortogonali.

 

Assonometria Isometrica
Figura 2.14 - Assonometria isometrica unificata come riportato nelle norme UNI 4819. Gli assi sono inclinati di 30 gradi rispetto all'orizzontale.

Scarica ed esercitati con i file allegati


Attachments:
FileFile sizeUltima modifica
Download this file (Assonometria_isometrica_prisma_base_esagonale.pdf)Assonometria_isometrica_prisma_base_esagonale.pdf293 Kb01/01/2011 21:27
Download this file (Assonometria.pdf)Assonometria.pdf1224 Kb01/01/2011 21:26
 

Certificazioni Europee