Istituto Comprensivo di Galbiate

Mani

In questo primo articolo sulle attività laboratoriali della nostra scuola abbiamo scelto di utilizzare poche parole per rendere protagoniste le mani.

Tra gli obiettivi di un laboratorio non possono mancare:

  • lo sviluppo di strategie di lavoro di gruppo che richiedono cooperazione (quindi suddivisione dei compiti in base alle competenze e specializzazione del singolo) e collaborazione (quindi risoluzione dello stesso problema insieme agli altri).

Le tante mani che vedrete in queste foto si sono coordinate, prestate, intrecciate, hanno collaborato per portare a termine compiti che le due sole mani di una persona non avrebbero potuto svolgere…

  • Il miglioramento dell’autostima attraverso l’ampliamento delle proprie competenze e l’individuazione e il riconoscimento del proprio operato.

Le mani in immagine hanno fatto fatica, si sono sporcate, sono state delicate, rispettose degli strumenti e dei materiali che hanno manipolato, non sono state precipitose, hanno ascoltato le “indicazioni del cervello” prima di una qualsiasi azione, riuscendo così a creare pietanze gustose e apprezzabili oggetti creativi…da battere le mani!

  • Il potenziamento delle abilità manuali, sempre meno utilizzate nel contesto scolastico e nell’era digitale in genere.

Le mani hanno potuto sperimentare varie attività perfezionando le proprie abilità e scoprendo inaspettate potenzialità: fortemente impigrite dal gesto del digitare e abituate al veloce “touch and go”, si sono allenate a impugnare i più svariati strumenti da cucina, da falegname, da “mastro cartaio”, da decoratore, da tipografo…hanno effettuato tagli di precisione, energici impasti, perfette verniciature, complicati  montaggi…

Ecco a voi le protagoniste:

2 pensieri su “Mani

  1. Luca

    Come è stato detto qua sopra le mani hanno un ruolo fondamentale anche nella civiltà digitale di cui facciamo parte e questo laboratorio fa riflettere sull’uso di questa parte del corpo perché non si puó fare niente senza le mani.
    Queste attività sono inoltre una possibilità per gli studenti di rilassarsi e staccare dai duri impegni scolastici, per far riposare il cervello e per far divertire le mani.

  2. Sofia

    E’ bello pensare che la scuola non è solo un luogo dove si impara l’italiano o la matematica,
    ma anche un luogo in cui ci si può confrontare, condividere idee e pensieri anche attraverso vari laboratori.

Rispondi a Sofia Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *